07
SET
2017

Luxus, Art & Cinema. L’IISBE incontra la Biennale del Cinema

Un nuovo, fecondo incontro fra arte e cinema. Il Padiglione Venezia, con la mostra “Luxus”, a cura di Stefano Zecchi, entra infatti in dialogo con la 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Le due Biennali, quella dell’arte e quella del cinema, si confrontano all’insegna della pluralità dei saperi.

La mostra “Luxus” ha trovato una indimenticabile madrina nell’attrice Miriam Candurro, che oltre a partecipare alla performance-evento Luxus, Art & Cinema, del 6 settembre, è protagonista del festival veneziano nel cast di Veleno, un film di Diego Olivares che sarà presentato alla 32. Settimana della Critica (8 settembre).

Al centro dell’evento Luxus, Art & Cinema anche l’instant artist Maurizio Galimberti, che ha realizzato una performance fotografica con oggetto la stessa Miriam Candurro, nelle vesti oniriche di una Cenerentola moderna. Un inno all’importanza della creatività e all’istantaneità del gesto artistico.

Sulla stessa scia, Stefano Zecchi ha commentato il felice incontro:

«Più di centomila sono i visitatori che, in poco più di tre mesi di apertura al pubblico della mostra Luxus, hanno visitato il Padiglione Venezia. Un risultato straordinario che conferma il successo del progetto esposto e che premia gli sforzi di tutti coloro i quali lo hanno voluto e vi hanno creduto. Luxus e il Padiglione Venezia che lo ospita non si fermano qui e, consapevoli del suo ruolo da protagonista all’interno della scena culturale internazionale, in occasione della 74. Mostra del Cinema, hanno organizzato una performance-evento dal titolo Luxus, Art & Cinema che ha avuto luogo al Lido e ai Giardini della Biennale e si è conclusa con una serata nella splendida cornice del Ca’ Sagredo Hotel. Un incontro fra l’Arte e la sua “settima” sorella, il Cinema, reso possibile dagli interventi artistici di Atelier Pietro Longhi, René Caovilla e Roberto Coinche e con protagonisti l’attrice Miriam Candurro, l’instant artist Maurizio Galimberti e il videomaker Cesare Cicardini».

 

Leave a Reply

*